Recensioni

mercoledì 9 dicembre 2015

Recensione del libro edito dalla Mondadori "La fabbrica delle meraviglie" di Sharon Cameron



Oggi vi parlo di una delle mie ultime letture.
Si tratta di un libro che mi ha incuriosito sin dalla sua uscita e che leggendolo non ha per nulla deluso le mie aspettative.
Il libro “La fabbrica delle meraviglie” è uscito a Gennaio 2015 per Mondadori ed è il primo volume di una duologia.
Il romanzo è ambientato nell'Inghilterra vittoriana, nella Londra dell'800, e narra la storia di Katharine, dello zio Tully e di una grandiosa tenuta.



Titolo originale: La fabbrica delle meraviglie (The Dark Unwinding #1)
Autore: Sharon Cameron
Serie: The Dark Unwinding
Genere: young adult, steampunk, fantasy
Editore: Mondadori
Pagine: 312
Prezzo cartaceo: 17,00 €
Prezzo ebook: 6,99 €
Pubblicazione: 27 Gennaio 2015



Sinossi:


In una notte di nebbia Katharine arriva in una misteriosa tenuta vittoriana con l'incarico di controllare che l'eccentrico zio George non stia dilapidando il patrimonio di famiglia. Convinta di incontrare un uomo sull'orlo della follia scopre invece che lo zio è un geniale inventore e sostenta una vivace comunità di persone straordinarie come lui, salvate dai bassifondi di Londra. Aiutato dal giovane e affascinante Lane, George realizza creazioni fantasmagoriche: pesci meccanici, bambole che suonano il pianoforte e orologi dai mille ingranaggi. Ma Katharine comprende ben presto che una trama di interessi oscuri minaccia il suo mondo pieno di meraviglie e, forse, il destino di tutta l'Inghilterra. Una storia di formazione ricca di suspense e avventura, con una incantevole protagonista divisa tra ragione e sentimento.


"La vita è come un orologio.
Non è mai troppo tardi per avere la tua occasione.
Basta portare indietro le lancette"




Recensione:


La protagonista della storia è Katharine, una ragazza diciassettenne che a causa di incombenze puramente economiche è costretta dalla zia Alice a recarsi presso la dimora di uno zio, il quale è accusato di dilapidare inutilmente tutto il patrimonio di famiglia.
Katharine accetta sin da subito il compito di appurare la pazzia mentale dello zio, al fine di permettere che la zia Alice si appropri dell'intero patrimonio.
Katharine è ignara del fatto che una volta giunta nella grandiosa dimora si troverà dinanzi a un personaggio molto particolare, capace di creare invenzioni e macchinari strabilianti e di dar vita a due Borghi abitati da gente povera, salvata dagli ospizi, che lavora serena e collabora alla creazione di tantissimi macchinari incredibili: bambole che compiono azioni, orologi dagli elaborati ingranaggi, animali meccanici che si muovono con la forza del vapore.




Quindi protagonisti della storia insieme a Katharine sono le varie creazioni, la personalità generosa e piena di talento dello zio Tully e la bellissima dimora in cui quest'ultimo abita, con le sue immense stanze buie e impolverate, con i suoi rumori, i volti misteriosi ritratti nelle cornici appese nei lunghissimi corridoi della casa, la grande biblioteca e l'immensa sala da ballo.


Alla fine del romanzo, nella “Nota dell'autrice e ringraziamenti” si viene a conoscenza dell'origine dell'ispirazione alla stesura di questo libro.
L'aspetto forse più interessante del libro è che la storia delle tenuta “Stranwyne” è ispirata ad una storia vera. Infatti la tenuta cui fa riferimento il libro è realmente esistita: si tratta di Welbeck Abbey, nel Nottinghamshire in Inghilterra, appartenente al Duca di Portland.
Il Duca di Portland fu un personaggio molto interessante. Egli fece costruire realmente una lunga galleria sotterranea, che collegava la casa principale alle scuderie e tante stanze sotterranee, una pinacoteca, un’enorme sala da ballo, una biblioteca, un osservatorio con tetto in vetro e una sala da biliardo.


Diede lavoro a tantissima gente che viveva in condizioni di estrema povertà, ma conduceva una vita molto solitaria, nascondendosi persino dagli occhi del personale in servizio presso la sua dimora. Da un lato era considerato un filantropo, dall'altro completamente pazzo.
L'autrice ha preso ispirazione dalla storia di Welbeck Abbey, ha colto gli elementi più interessanti e li ha integrati con molta abilità e con grande fantasia in un racconto ben strutturato, pieno di mistero e di fascino.


I personaggi sono ben caratterizzati. Katharine, nelle prime pagine del libro, non ispira al lettore grande simpatia, perché appare come un'arrivista pronta a tutto pur di salvaguardare se stessa. Man mano che si dipana la storia, i suoi principi e le sue motivazioni vengono sconvolte e il suo personaggio si apprezza maggiormente, integrandosi con tutti gli altri personaggi pittoreschi e bizzarri (primo fra tutti lo zio Tully) che danno vita al racconto rendendo unico ed originale.
La fabbrica delle meraviglie” è un libro appassionante: la lettura travolge e scorre veloce, incuriosendo e meravigliando ad ogni pagina.
E' un favoloso intreccio di vari generi che vanno dal fantasy, allo young adult, allo steampunk, con piccole note di romance che rendono la storia emozionante e carica di mistero.


Serie The Dark Unwinding:
#1 The Dark Unwinding, 2012 (La fabbrica delle meraviglie, 2015)
#2 The Spark Unseen, 2013 (inedito)



Buona lettura


Luce

16 commenti:

  1. Uh!! Mi hai convinta! Adesso lo prendo anch'io! Ha una copertina stupenda tra l'altro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di averti "convinta" :D Hai ragione la copertina è fantastica!

      Elimina
  2. Questo libro inizialmente mi incuriosiva molto, purtroppo detesto il genere Steampunk, quindi non credo faccia per me :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato! Io invece adoro il genere Steampunk <3

      Elimina
  3. Che bella la grafica natalizia!!
    Il libro mi ispira!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^_^ Sono contenta che la grafica natalizia ti piaccia!!! Anche che il libro ti ispiri ^_^

      Elimina
  4. Complimenti per la bellissima grafica natalizia ^_^ Il libro di cui hai parlato è molto affascinante. Il tuo post con le foto è bellissimo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti alla grafica ^_^ Sono contenta! Il post l'ho fatto davvero col <3 perchè la storia mi ha affascinata tanto :)

      Elimina
  5. Bellissima recensione! Mi hai incuriosita tantissimo. La cover è bellissima e il post con le immagini è molto affascinante. Complimenti anche per la grafica natalizia, è davvero molto bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per tutti i complimenti ^_^ Sono contenta di averti incuriosita!

      Elimina
  6. Luce! Grafica stupenda e anche la recensione :) Poi la copertina è molto bella e si sa che io ho un debole per le belle copertine *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti ^_^ La copertina piace molto anche a me!

      Elimina
  7. Sembra davvero un libro interessante Luce di Stella

    Complimenti per la recensione davvero bella :-)
    Buona continuazione del mese di Dicembre buon fine settimana in arrivo e soprattutto auguri di Buone Festività natalizie <3 :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Arwen :) Buona continuazione del mese, buon fine settimane e buone festività anche a te <3

      Elimina
  8. Grafica bellissima Luce, ti faccio i miei complimenti!
    La recensione è veramente stupenda, interessante ed accattivante. Mi sono incuriosita tantissimo e penso che per Natale mi regalerò questo libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti ^_^ Sono contentissima che la mia recensione ti sia piaciuta e che ti sei incuriosita al punto da regalarti questa meraviglia di libro :)

      Elimina