Recensioni

venerdì 18 dicembre 2015

Recensione del romanzo "Vacanze da Tiffany" di Francesca Baldacci




Titolo: Vacanze da Tiffany
Autore: Francesca Baldacci
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Genere: Romance
Pag.: 279
Costo: 12,90 €
Data di uscita: 6 maggio 2014 



TRAMA



Ci sono svariati modi di reagire a un fidanzato che ti lascia. Per Angy, che ha un caratterino pepato, quello migliore è mettere in atto una degna vendetta, tanto per togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Una volta tamponato l'orgoglio ferito, può pensare davvero di voltare pagina. E quale modo migliore di farlo se non con una vacanza? Ma non una qualsiasi, perché serve qualcosa che tenga impegnati corpo e mente. Così Angy decide di trascorrere la stagione estiva all'hotel Tiffany, un graziosissimo albergo sulla Riviera delle Palme di proprietà delle infaticabili zie Camilla e Gisella. Un luogo unico, che sembra essersi fermato agli ani Sessanta, e che, come dice il nome stesso, è un omaggio al film culto Colazione da Tiffany. Qui potrà lasciarsi i dispiaceri alle spalle e allo stesso tempo rendersi utile, aiutando due donne a gestire numerosi clienti. Per fortuna, tra frequentatori abituali e nuovi arrivi, sono tutte persone con cui è facile entrare in sintonia. Tutte tranne il cliente della suite numero otto, un giovane affascinante e sfuggente che passa le sue giornate in solitudine. Di lui Angy conosce solo il nome e l'abitudine di andare in spiaggia la mattina presto, per il resto è assoluto mistero. Il giorno in cui per la prima volta scambiano qualche parola non è esattamente memorabile, eppure qualcosa in quello sconosciuto la attira e la incuriosisce. E mentre Angy si rimprovera per non aver imparato niente dalle recenti delusioni, la magia di Tiffany fa la sua parte. Perché in quel luogo qualunque cosa può succedere. Persino tornare a credere nell'amore. Anche se non sempre tutto è come sembra...





RECENSIONE



Il romanzo “Vacanze da Tiffany” si apre in maniera buffa ed esilarante. La protagonista Angy, che è tutta un peperino, mette in atto una “terribile” vendetta nei confronti della donna che le ha strappato via l'uomo della sua vita, quello che stava per diventare suo marito.

Col cuore a pezzi, ma soddisfatta della sua vendetta, Angy decide di smettere immediatamente di piangersi addosso e cerca di reagire nel migliore dei modi: cambiando “aria”, abitudini e amicizie.

Angy decide di trascorrere l'estate al Tiffany, un albergo sulla Riviera delle Palme gestito dalle sue due zie Gisella e Camilla.

Sin da subito il morale di Angy è travolto dall'entusiasmo a dalla gioia di vivere delle due zie, due donne sulla sessantina piene di vita e di creatività.

Le due donne hanno infatti messo su un albergo molto particolare che si rifà alle atmosfere degli anni sessanta, così ben rappresentati dal mitico film “Colazione da Tiffany”.

E' proprio a questo film che s'ispira l'atmosfera dell'hotel: i suoi arredamenti, la musica che aleggia nell'aria, le feste in costume, l'abbigliamento delle due zie.

In questo contesto anni sessanta Angy ritrova la sua voglia di vita e di avventure, buttandosi alle spalle il passato ed instaurando nuove relazioni più soddisfacenti, anche se passeggere.

Col suo caratterino brillante Angy cercherà di insinuarsi nell'esistenza del misterioso ospite della stanza numero otto e tenterà in tutti modi di tener testa al burbero e sgarbato Renato, vicedirettore dell'hotel. Ma l'estate regalerà molte sorprese.



“Vacanze da Tiffany” è un romanzo leggero e bizzarro, sotto molti aspetti romantico e anche molto divertente.

La lettura è scorrevole e frizzante, i personaggi sono ben caratterizzati, la trama è ben strutturata e le note umoristiche sono ben distribuite lungo la narrazione.

Il personaggio di Giulio è avvolto dal mistero per quasi tutto il libro, mentre i personaggi delle due zie Camilla e Gisella affascinano e divertono.

Angy col suo carattere tutto pepe è una donna che non si scoraggia dinanzi le difficoltà, che vive le emozioni molto intensamente, che non si lascia trasportare dalla malinconia e dalla tristezza.

Il suo personaggio è molto positivo e la sua capacità di andare sempre oltre le delusioni è ammirevole.

Il romanzo ha una conclusione per certi versi inaspettata, anche se non si può parlare di una conclusione vera e propria. Tutto questo lascia sperare che la storia possa ancora svilupparsi in un secondo capitolo, in cui magari potrà essere approfondita la conoscenza del personaggio di Renato che a mio avviso è anch'esso avvolto da molto mistero.

Consiglio la lettura di questo libro a chi è alla ricerca di una storia leggera, molto romantica e molto divertente. Forse il periodo più indicato per una lettura di questo tipo è l'estate, ma credo che possa andare bene in ogni momento in cui si ha voglia di estate, di sole e di spensieratezza.






L'AUTRICE



Francesca Baldacci scrive da sempre. Autrice di racconti per svariate riviste femminili, ha un passato come sceneggiatrice Disney e giornalista sportiva. Vacanze da Tiffany è stato un caso fortunatissimo di self-publishing digitale, e l’ebook ha scalato le classifiche di Amazon, rimanendo per diversi mesi nella Top 100 e conquistando migliaia di lettrici. 


Buona lettura!

Luce


 



12 commenti:

  1. Bellissima recensione. Riesci sempre a dare i giusti input per incuriosire moltissimo su un libro. Questo voglio proprio leggerlo in questo periodo invernale, perchè sono già stanca del freddo ed ho voglia di una ventata estiva e questo libro sembra proprio l'ideale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del complimento, le tue parole mi fanno davvero felice! Se cerchi una ventata estiva questo libro è perfetto ;)

      Elimina
  2. Bel libro! Penso che lo metterò nella lista delle letture estive. Bellissima recensione complimenti <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Non puoi perderti questa bella lettura estiva ;)

      Elimina
  3. Ma che bella recensione brillante! Mi hai incuriosita tantissimo su questo libro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ^_^ Mi fa molto piacere ti abbia incuriosita :)

      Elimina
  4. A me è piaciuto tantissimo. Anche se è ambientato in estate, è una lettura per tutte le stagioni. Leggetelo! E' romantico e molto divertente, un omaggio a film Colazione da Tiffany.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, va bene per qualsiasi stagione! Grazie per essere passata e aver commentato ^_^

      Elimina
  5. Bella recensione compressore sai accendere la curiosità nei lettori! Brava mia cara amica!

    RispondiElimina
  6. queste letture leggere a volte sono proprio l'ideale per staccare la spina

    RispondiElimina